Vivian Maier

Nessuno conosceva la sua produzione fotografica fino al 2007, quando un giovane investigatore nel settore immobiliare John Maloof mentre era alla ricerca di alcune foto storiche che potessero descrivere il suo quartiere natale, sul quale stava scrivendo un libro, acquistò durante un mercatino delle pulci a Chicago un vecchio scatolone contenente 30.000 negativi per 400$. Dopo l’acquisto Maloof , si rese subito conto che il materiale non era idoneo al suo libro, ma restò particolarmente colpito da quelle immagini. Successivamente dopo una piccola ricerca Maloof riuscì ad arrivare ad un nome Vivian Maier, una donna che ha lavorato per gran parte della sua vita come baby sitter, nei sobborghi di North Shore Chicago.

Nata a New York nel 1926 da mamma francese e padre austriaco, cresce in Francia per la precisione in un piccolo paesino francese, Saint – Julien – en – Champsaur, è qui che si pensa sia nata la sua passione per la fotografia e tra il 1948 e il 49 inizia a fotografare edifici e persone del posto.  Trasferitasi a New York nel 1951 nel 52 si mette in proprio come fotografo. Verso la meta degli anni 50, la Maier orami aveva affinato il suo stile, una fotografa molto raffinata, attenta ad i particolari, dedicava due massimo tre scatti ad ogni soggetto. Nel 1970 si trasferì a Chicago dove per diciasette anni lavorò come baby sitter per i  Gensburgs, una famiglia benestante di Chicago, diventando una seconda madre per JohnLane e MatthewVivian Maier muore nel 2009 al’età di 83 anni.

Da queste poche informazioni Maloof riesce a descrivere la persona di Vivian Maier come uno spirito libero, molto riservata sulle sue cose a tal punto, da non aver condiviso quasi con nessuno la sua passione, da un un semplice acquisto di vecchi negativi Maloof riesce a rendere pubblico un lavoro celato, fino a creare un grandissimo archivio personale della fotografa (più di 120 mila scatti), espandendo e pubblicizzando il suo lavoro, permettendo al mondo di conoscere gli scatti di Vivian Maier.

Ora la galleria nazionale del Jeu de Paume, uno spazio pubblico d’arte contemporanea e fotografia che si trova nel giardino delle Tuileries, a Parigi, ha inaugurato qualche giorno fa la mostra “Vivian Maier (1926-2009), une photographe révélée” , la prima grande mostra dedicata al lavoro di questa grande fotografa autodidatta. La mostra è stata realizzata in collaborazione con la galleria di New York Howard Greenberg. Sul sito del Jeu de Paume è possibile leggere tutte le informazioni sulla mostra, allestita fino al primo giugno nella sede del Château de Tours.

Verso la fine di quest’anno sarà pronto il film /documentario “Finding Vivian Mayer” che racconta l’incredibile storia vera dietro il mistero della sua vita nascosta .

Trailer Film :

Sito ufficiale della fotografa : http://www.vivianmaier.com/

Fonte: http://www.ilpost.it/2013/11/15/vivian-maier/

Qui sotto è possibile vedere qualche suo autoritratto.

5651764_ef334e82fa_m

173635445-7693cd98-bb73-484b-801f-32b385160f0c

174330622-871b2ba5-ad61-4ca2-81b7-b4790af21c20

autoritratto-della-fotografa-276752

Larte-inconsapevole-di-Vivian-Maier-Vivian-Maier-Autoritratto-giugno-1953

Larte-inconsapevole-di-Vivian-Maier-Vivian-Maier-Autoritratto-ombra-su-legno-1960-ca_-courtesy-The-Jeffrey-Goldstein

Vivian Maier_Self Portrait1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...